The Breakfast Club Frasi

The Breakfast Club Frasi

In Anni '80, Emozione by Vally

The Breakfast Club, anno 1985, per noi, e per un’intera generazione, è un cult anni ’80 fenomenale.

Allison: Quando cresci, il tuo cuore muore.

The breakfast club
Sarà che ci fa tornare adolescenti, sarà che ci facciamo un sacco di paranoie pur essendo più grandi, ma The Breakfast Club è un fedele spaccato di realtà giovanile, sempre attuale (i grandi film, mostrano grandi verità).

John: Le viti cadono sempre, il mondo è un posto imperfetto.

John: Pensi che parli per te? Non conosco nemmeno il tuo linguaggio.

the breakfast clubthe breakfast club

Caro Mr. Vernorn,
abbiamo accettato il fatto che abbiamo dovuto sacrificare l’intero Sabato in punizione per qualsiasi cosa abbiamo fatto di sbagliato. Quello che abbiamo fatto è sbagliato. Ma pensiamo che sia pazzesco fare un tema che le dica chi siamo.
Lei ci vede come vuole vederci, in poche parole, nelle definizioni che più le convengono. Ma quello che abbiamo scoperto è che ognuno di noi è: un cervello… e un atleta… e una fuori di testa, una principessa e un criminale.

Questo risponde alla sua domanda?

Cordialmente,
The Breakfast Club.

the breakfast club

Curiosità:
– Matt Groening ha ammesso di essersi ispirato al personaggio di John Bender per dare il nome a un personaggio di Futurama, appunto, il robot Bender.

– John Hughes, il regista, appare in un cameo alla fine del film. È il padre di Brian.

– Don’t You (Forget About Me), è stata scritta appositamente per The Breakfast Club ed è diventata uno dei maggiori successi dei Simple Minds.

Molly Ringwald e gli altri della Brat Pack, ovvero gli attori americani che hanno girato film sulla vita degli adolescenti, letteralmente “banda di monelli”, ne hanno fatti di film. Vi ricordate questi? Ne parleremo prossimamente…

Bad Boys di Rick Rosenthal (1983), I ragazzi della 56ª strada di Francis Ford Coppola (1983), Risky Business di Paul Brickman (1983), Sixteen Candles – Un compleanno da ricordare di John Hughes (1984), Stand by Me – Ricordo di un’estate di Rob Reiner (1986), Bella in rosa di Howard Deutch (1986), Ragazzi perduti di Joel Schumacher (1987).